Posizionamento organico: cos’è e quali sono i suoi vantaggi?

Posizionamento organico: cos’è e quali sono i suoi vantaggi?

La SEO è uno dei pilastri di tutto il marketing digitale soprattutto se utilizziamo una metodologia inbound. Se conosci i segreti del posizionamento organico, puoi assicurarti una fonte di visite di qualità e a basso costo al tuo sito web per molto, molto tempo. Preparato? Bene, vediamo come funziona il posizionamento naturale e come possiamo migliorarlo.

Come funziona il posizionamento organico?

Chiamiamo posizionamento organico o posizionamento naturale il luogo in cui un sito web appare tra i risultati di ricerca non a pagamento di Google e di altri motori di ricerca quando un utente cerca una parola chiave specifica.

Va notato che, sebbene il miglioramento del posizionamento organico possa avere un costo in consigli, strumenti, hosting e altre risorse, non possiamo pagare Google per apparire più in alto nei risultati di ricerca. D’altra parte, possiamo pagare per inserire un annuncio nel motore di ricerca quando gli utenti cercano una parola chiave specifica… ma in quel caso si parlerebbe di SEM e non di SEO.

Ogni ricerca di parole chiave ha migliaia o addirittura milioni di possibili risposte sotto forma di una pagina web. Per decidere quali mostrare e come ordinarli, Google segue una procedura in tre fasi:

  • Scansione: i bot o gli “spider” di Google scansionano il Web alla ricerca di pagine e le “leggono” grazie a un algoritmo per vedere che tipo di informazioni contengono.
  • Indicizzazione: una volta rilevate le pagine esistenti, i bot le inseriscono in una sorta di indice, tenendo conto del loro contenuto e della loro rilevanza per le diverse parole chiave.
  • Pubblicazione: Quando un utente effettua una ricerca su Google, il motore di ricerca mostra i risultati del suo indice che ritiene più rilevanti sulla base di una serie di algoritmi che solo lui conosce.

Come posso migliorare il mio posizionamento organico?

Poiché gli algoritmi di Google non sono di dominio pubblico, il ranking naturale non è una scienza esatta e i risultati non possono mai essere previsti con una precisione del 100%.

Ma ciò non significa che stiamo lavorando alla cieca, visto che Google pubblica una serie di guide per i webmaster che indicano le best practices per migliorare il posizionamento di un sito web.

Bisogna però stare attenti ad evitare pratiche di posizionamento espressamente vietate da Google, poiché ciò può comportare una sanzione.

Per decidere quali risultati mostrare, Google si basa fondamentalmente su due criteri: la pertinenza e la qualità di un sito web, da un lato, e la sua autorevolezza e reputazione, dall’altro. Vediamo come migliorare ciascuno di essi.

Posizionamento organico: cos’è e quali sono i suoi vantaggi?
posizionamiento seo

Rilevanza e qualità: SEO on page

La SEO on-page comprende pratiche di posizionamento organico che implicano il miglioramento del nostro sito web. Questi sono gli elementi principali che gli spider di Google prendono in considerazione per determinare la qualità e la pertinenza di una pagina:

  • La struttura degli URL. Dobbiamo assicurarci che gli URL siano il più puliti e chiari possibile e che contengano sempre le parole chiave che ci servono per far apparire la pagina web. Per questo è interessante effettuare uno studio delle parole più rilevanti nel nostro settore.
  • L’architettura del sito web. I motori di ricerca valutano molto positivamente i siti web in cui le informazioni sono organizzate in modo strutturato e facilmente comprensibile. Inoltre, un sito web ben organizzato migliora anche l’esperienza dell’utente. Un aspetto molto importante dell’architettura web sono i collegamenti interni, che consentono all’utente di spostarsi da un sito all’altro in modo naturale e indicano anche ai robot quali contenuti sono correlati tra loro.
  • I titoli e le descrizioni delle diverse pagine del sito. Dovrebbero essere il più descrittivi possibile e contenere parole chiave. Devi anche tenere a mente che sono la tua “lettera di presentazione” per gli utenti, poiché è la prima cosa che vedono quando cercano una parola chiave.
  • La mappa del sito e il file robots.txt. La mappa del sito aiuta gli spider di Google a comprendere e classificare il tuo sito più facilmente. Il robot.txt viene utilizzato per indicare quali pagine del sito devono essere incluse nell’indice e quali no.
  • La velocità di caricamento del web. Le pagine troppo lente e quelle non adeguatamente ottimizzate hanno un posizionamento naturale peggiore.
  • Il contenuto. I testi del tuo sito web devono avere un’adeguata densità di parole chiave, purché ciò non pregiudichi la facilità di lettura e l’esperienza dell’utente. Si consiglia inoltre di strutturare in modo chiaro i testi con titoli e sottotitoli (riflesso nei tag H2, H3, ecc.) ed etichettare correttamente le immagini e i video.

Autorità e reputazione: SEO off page

La SEO off-page è l’altra faccia della medaglia, in quanto si riferisce ad azioni che avvengono al di fuori del nostro sito web. L’obiettivo principale della SEO off page è generare collegamenti al nostro sito Web da altri siti. Ogni volta che una pagina si collega a un’altra, “passa” un po’ della sua autorità e le fa aggiungere punti ai motori di ricerca.

Ci sono molte tattiche che possiamo usare per ottenere link esterni al nostro sito web:

  • Registrati nelle directory delle pagine relative al tema del nostro sito.
  • Lascia commenti su altri siti, ad esempio sui blog del nostro settore. Tieni sempre presente che i commenti devono offrire un valore reale, altrimenti cadremo nello spam.
  • Guest posting, ovvero la pubblicazione di articoli sui blog di altre persone che includono un collegamento al nostro sito.
  • Partecipa agli scambi di link. Questa tecnica era molto popolare e talvolta può essere considerata fraudolenta, quindi assicurati sempre di seguire gli standard di Google.
  • E soprattutto pubblicare contenuti di qualità che diventino un riferimento sull’argomento in modo che gli utenti si colleghino ad esso di propria spontanea volontà. Niente può sostituire un lavoro ben fatto!
Articoli correlati
Content Marketing
Chi pensa che la pubblicità in target sia nata con il digital marketing si sbaglia di grosso,...
Content Marketing
Più dettagli
Inbound Marketing
Ciao! Sono Marina di Disegno Web Bologna e oggi vi parlerò di varie...
Inbound Marketing
Più dettagli
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Metti alla prova il tuo flusso di vendita!